Bacheche in cui compaiono foto e video vecchi, selezionati in autonomia da Facebook e non richiesti dai proprietari dei profili. Il nuovo bug comparso sul social network ha causato le lamentele di molti utenti: c’è chi all’improvviso si è ritrovato in bacheca ricordi “non graditi” o addirittura dolorosi, rilanciati senza il proprio consenso sulla piattaforma. Un errore del social che ricorda quanto accaduto nel 2012, quando alcuni messaggi privati erano comparsi sulle timeline.

A scoprire per prima il bug è stata una giornalista di Pc MagStephanie Millot. La reporter statunitense ha spiegato come le immagini ripubblicate fossero state anche ridatate, creando così ulteriore confusione tra i contatti dell’utente. Secondo il sito di tecnologia, il problema potrebbe essere collegato alla nuova versione di Facebook per iOS oppure proprio allo strumento “Year in Review”.

Si tratta di una funzionalità che consente di ricostruire gli eventi vissuti nel corso dell’anno sul social network con un breve video. “Accadde oggi” è invece un altro strumento di ricondivisione di contenuti vecchi. In entrambi i casi però bisogna dare il proprio consenso affinché video e foto riproposte dal social network vengano resi pubblici. Ma nel caso di oggi, al contrario, l’errore tecnico ha fatto sì che i contenuti venissero postati all’insaputa degli intestatari del profilo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fastweb lancia la rete 5G, Calcagno: “Rete mobile da 1 giga. Una rivoluzione come per la fibra”

next
Articolo Successivo

Cellulari, Nokia torna sul mercato con un telefonino “vecchio stile”: senza internet, tastierino fisico e Snake

next