AMORE E INGANNI di Whit Stillman. Con Kate Beckinsale, Chloe Sevigny, Xavier Samuel. (Usa/Irlanda, 2016). Durata: 92’. Voto 4/5 (DT)

Fine settecento, tra le campagne inglesi. L’elegante e affascinante vedova Lady Susan, assieme alla figlia Fredrica, fugge all’improvviso dalla casa dei signori Manwaring lasciandosi dietro un codazzo di uomini innamorati e donne tradite, per poi essere “ospitata” in un’altra nobile residenza dai parenti del defunto consorte, tra cui la cognata e il suo giovane fratello Reginald. Quest’ultimo cadrà nella raffinata trappola seduttiva della donna che prevede un nuovo marito per lei e uno per la figlia. Incantevole trasposizione di una novella misconosciuta di Jane Austin, Amore e Inganni è una commedia graziosa e cinicamente corrosiva, incentrata su rapidi scambi di dialogo tra i protagonisti spesso in interni, innervata dal classico tema austeniano del confronto campagna/città (dove la prima vince), e orientata su un disegno sociologico che vede la donna figura più intelligente ed affascinante dell’uomo sotto ogni punto di vista. Kate Beckinsale dismette per un attimo i corpetti in latex della saga di Underworld per indossare raso e pizzo nero, attivando oltremodo gli stessi circuiti sensoriali. Stillman recupera sia lei che la Sevigny (qui è l’arguta amica “americana” confidente di Lady Susan) già coppia affiatata nel suo The last days of disco, facendo fluire umorismo e racconto con incredibile levità di parola e rappresentazione scenica. In alcuni momenti sembra quasi di ascoltare un testo di Oscar Wilde.

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 2 dicembre

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cortellesi e Albanese parlano del loro nuovo film “Mamma o papà”

next
Articolo Successivo

Snowden, un eroe solo contro un intero sistema

next