Senza grandi proclami sono iniziati, a Roma, i lavori in piazza Augusto Imperatore per il restauro del Mausoleo del più grande degli imperatori. “È stato appena avviato il primo lotto di lavori – ha confermato al Corriere della Sera il sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce – che consiste nel restauro della parte esterna dell’edificio e della sua messa in sicurezza. Il cantiere è finanziato per 4 milioni e 275 mila euro con i fondi di Roma e altri due milioni del Mibact“. E all’ultimo momento sono stati salvati anche i 6 milioni di euro dell’unico sponsor privato, la Tim, finanziamento che permetterà la sistemazione della copertura del Mausoleo e la realizzazione degli impianti tecnologi interni. Gli altri tre lotti? Solo il secondo lotto è in fase di aggiudicazione ed è tra i più importanti perché riguarda la piazza e la zona intorno il Mausoleo secondo il progetto vincitrice della gara che, però, risale ormai a un decennio fa. Immobilismo che è stato raccontato da Servizio Pubblico nello speciale “Sepolta viva” andato in onda il 4 luglio 2013. Lo spettatore è stato accompagnato in un viaggio molto speciale nella città eterna e all’interno del Mausoleo da sempre chiuso al pubblico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia Capitale, Carminati: “I miei soldi arrivano dal furto al caveau”

prev
Articolo Successivo

Alluvione Genova 2011, condannata l’ex sindaco. L’accusa degli abitanti

next