Polemica fibrillante a L’Aria che Tira (La7) tra Roberta Bottaro, una ex manager di una multinazionale, ora esodata, e i parlamentari Alessia Morani (Pd) e Gianfranco Librandi (Civici e Innovatori, ex Scelta Civica). Bottaro è una degli 8mila esodati che non rientrano nell’ottava salvaguardia del governo. “Renzi, Padoan e Poletti ” – spiega la signora – “hanno sempre mentito, sapendo di mentire”. Bottaro spiega che le salvaguardie sono state peggiori della riforma Fornero, perché discriminatorie, rendendosi protagonista di un durissimo scontro con Morani e Librandi sui numeri degli esodati “salvati” e sulla cifra messa a disposizione del governo Renzi. “Non è vero che sono 11 miliardi” – accusa Bottaro – “si tratta di un fondo blindato istituito nel 2012 per gli esodati: 10 miliardi sono stati messi dal governo Monti e 1 miliardo dal governo Letta. Questo governo non ha messo una lira”. “Il problema sono gli esodati o il governo? Capiamoci”, sbotta Morani. Librandi accusa la donna di aver firmato un preciso contratto con la sua azienda e di essere una ‘finta’ esodata: “Si sarà presa una montagna di soldi per andare prima in pensione e si è approfittata degli altri cittadini che pagano le tasse”. “Non è vero” – ribatte la donna – “Non intendo entrare in un contraddittorio con queste persone che stanno dicendo solo menzogne

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Usa, De Benedetti vs Trump: “Un imbroglione fallito. Espressione dello stesso malessere di Grillo”

prev
Articolo Successivo

Scanzi: “Leopolda? Un’accolita di rancorosi diretta da un venditore di aspirapolvere difettosi”

next