“La partecipata Roma Metropolitane non ha fatto il suo lavoro”. A dirlo su Facebook è stata l’assessora alla mobilità del Campidoglio Linda Meleo anticipando che il 4 novembre ci sarà un’assemblea capitolina per discutere del futuro dell’azienda che si occupa della progettazione e della realizzazione delle linee della metropolitana della Capitale. Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, sul tavolo c’è l’ipotesi che venga liquidata.

“In questi anni”, ha scritto Meleo su Facebook, “la partecipata non ha svolto come doveva il suo lavoro, non centrando i suoi obiettivi strategici. La linea metro C, una delle grandi incompiute della Capitale: anni di sperperi, costi lievitati a causa di innumerevoli varianti al progetto e un’attesa per i romani che sembra infinita. Per non parlare delle inchieste, dei riflettori puntati dell’Autorità Anticorruzione e della lente d’ingrandimento della Corte dei Conti sul danno erariale. E’ ora di dire basta agli sprechi. Vogliamo lanciare un’operazione verità e raccontare ai cittadini cosa è successo in tutti questi anni. Mai più bugie e prese in giro ma legalità e trasparenza”.

La sindaca Raggi oggi è tornata anche sulle polemiche per il ruolo di Raffaele Marra, ex vice capo di gabinetto e ora capo del personale, che in tanti dentro il Movimento vorrebbero che fosse allontanato. La sindaca ha smentito di aver minacciato le dimissioni nel caso in cui Marra avesse dovuto fare il passo indietro. “Ma no, chi lo avrebbe detto? Non ne so nulla. Se potrei rinunciare a Marra? Tutte le decisioni sono già state prese. Quando l’interpello sarà finito vedrete”, ha detto a margine della presentazione della Sala del Treno di PioIX alla Centrale Montemartini. Continua a essere vacante la poltrona di capo di Gabinetto per la quale si sta valutando la posizione del magistrato in pensione Raffaele Guariniello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Guariniello possibile capo gabinetto di Raggi: “Sto decidendo”

prev
Articolo Successivo

Terremoto, dottorando del Politecnico vs Renzi: “Casa Italia? Solo slogan. I borghi non ripartono con le parole”

next