Un morto che torna dall’oltretomba per dire la sua sul referendum. Non è la trama raffazzonata partorita dalla mente del nuovo sceneggiatore de Les Revenants. Semmai, è qualcosa di più vicino a uno scherzo in stile Amici Miei. Succede che su una pagina web (vagamente somigliante a quella di SkyTG24) compare la foto di un signore paffuto: maglietta arancione con su scritto “Basta un sì”, cappello in tartan, occhiali, barba. L’immagine è accompagnata da un titolo: “Umberto Eco: “Chi voterà NO è un imbecille e i grillini sono una legione d’imbecilli”.

Ora, la somiglianza con lo scrittore c’è. E’ un po’ forzata, ma c’è. Peccato che Eco sia morto il 19 febbraio 2016. Nel lungo post vengono elencate sei ‘buone ragioni’ per le quali votare no al prossimo referendum costituzionale è, appunto, da imbecilli. Si va dal “perché chi vota no, nella maggioranza dei casi, non sta votando contro una riforma costituzionale, ma contro Renzi”, al “perché si fa intenzionalmente melina, confondendo la riforma costituzionale con la legge elettorale”. Ora, al di là delle motivazioni fornite dall’autore del post sul “no” al referendum, quello che colpisce sono i commenti. Perché, evidentemente, a qualcuno deve essere sfuggita la dipartita di Umberto Eco: “Non comprerò mai più un tuo libro…pancione venduto…opinionista lecchino di regime col cervello ormai ingolfato dal grasso”, si legge. E ancora: “Ha parlato u saputel. ma va fancul ignorante e venduto!”, “Caro Umberto, la tua opinione ha la sua dignità, la mia, per costituzione, per giustizia, per “educazione”, ha anch’essa dignità pari “alla tua”. Ma chi è l’autore del post-bufala? Si tratta di Ermes Maiolica, già noto in rete proprio per le bufale inventate ad hoc e capaci di diventare virali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Halloween, le origini della “notte delle streghe”. Di che cosa abbiamo paura?

prev
Articolo Successivo

Tompkins Square Dog parade, la grande tristezza: come ti vesto il cane per Halloween (FOTO)

next