Sono oltre trecento i rider che a Torino lavorano per Foodora, l’azienda tedesca di delivery alimentare al centro di una vertenza che vede gli stessi ciclisti-fattorini in agitazione dallo scoro 8 ottobre. Daniele è uno di loro, ha 36 anni e una laurea in storia: “Ho fatto il barista, l’insegnante e poi ho lavorato tre mesi come postino in bicicletta: così quando è spuntata fuori l’occasione di lavorare con Foodora mi sono fatto avanti”. Dall’autunno scorso, ogni sera sfida il traffico, la pioggia e le buche della strada in sella alla propria bicicletta: “Utilizziamo la nostra, e il nostro smartphone per ricevere gli ordini. Mediamente riusciamo a farne due all’ora, ma con il passaggio dei contratti a cottimo si spingono i rider a viaggiare sempre più veloce e a rischiare sempre di più”. Ieri sera Daniele è riuscito ad effettuare dieci consegne in quattro ore di turno percorrendo in totale 35 chilometri. Una serata di ordinaria amministrazione se paragonata al fine settimana o ai giorni delle partite di calcio dove la frequenza degli ordini aumenta esponenzialmente  di Stefano Caselli e Simone Bauducco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pensioni e perequazioni, cosa fare per ottenere gli arretrati

prev
Articolo Successivo

I vecchi stanno vincendo la lotta di classe

next