La storia di Antonio Macchione, 41 anni, è comune a quella di migliaia di insegnanti che hanno acquisito l’abilitazione sul sostegno, spinti “dal desiderio di voler aiutare chi ha più bisogno”. Ma questa “passione civica” viene stroncata dalla burocrazia, liste di attesa troppo lunghe, vincoli di permanenza sulla provincia. “Mi sento deluso e sconfortato nell’essere ancora disoccupato. Anche perché so bene che in tante scuole mancano insegnanti specializzati e ci sarebbe bisogno di me”. Infatti al Nord i presidi a volte chiamano docenti che non sono neppure abilitati, a causa dell’emergenza; nelle isole gli Uffici regionali hanno deciso di riconvertire gli insegnanti del potenziamento, laddove ce ne sia bisogno. “E questa è un’ulteriore discriminazione. Il Miur ha deciso che non possiamo spostarci di provincia in graduatoria (verranno riaperte solo l’anno prossimo, nda), e non possiamo neppure presentare la semplice messa a disposizione in tante scuole dove faremmo comodo. È assurdo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto nelle scuole, le denunce si moltiplicano. “È nel 10% delle strutture”. Ma gli istituti non si fanno censire

next
Articolo Successivo

Telecamere a scuola, la legge pulisce le coscienze dei politici ma non risolve i problemi

next