“Sono sei anni che lavoro sul sostegno, con esperienze sempre meravigliose quanto difficili, ma non ho mai visto una situazione grave come quest’anno”. Ferdinanda Martin è amareggiata. Chiede solo “di lavorare al fianco di ragazzi e ragazze disabili”. Una laurea quinquennale in Psicopedagogia con specializzazione sui disturbi gravi dell’apprendimento e della personalità non basta, però: “Speravo che con la riforma le cose migliorassero, invece sono peggiorate, è un incubo. Siamo a oltre un mese dall’avvio delle lezioni e nella nostra provincia le assegnazioni sono state appena fatte, e peraltro sono insufficienti”. A lei non è andata benissimo, pur avendo un’ottima posizione in graduatoria: ha ricevuto soltanto una convocazione per fare 6 ore a settimana e per un periodo limitato all’assenza di una collega a riposo per l’allattamento del figlio. “Mi resta solo l’indignazione per quanto stiamo vivendo. Ma penso anche a chi sta peggio di me, senza lavoro, abbandonato dallo Stato”.

(Scorri le pagine successive per leggere le storie dei docenti)

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto nelle scuole, le denunce si moltiplicano. “È nel 10% delle strutture”. Ma gli istituti non si fanno censire

next
Articolo Successivo

Telecamere a scuola, la legge pulisce le coscienze dei politici ma non risolve i problemi

next