Così viene da chiedersi a cosa serva studiare e spendere tempo e denaro in titoli che finiscono per non valere nulla. Lo fa ormai quotidianamente Adriana Maggiore, laureata a pieni voti e con specializzazione sul sostegno. Nel gennaio 2015 ha deciso di investire sulla specializzazione nell’insegnamento ai disabili: da marzo a maggio dello scorso anno ha superato ben tre prove selettive, ha pagato i corsi universitari. “Ma non è servito a nulla. Ad oggi non ho ancora ricevuto nessuna convocazione”, spiega. “Tutti parlano dell’importanza dell’inclusione e della formazione. Ma allora mi dico: perché sono a casa? Dove sta la coerenza di una politica che predica la valorizzazione delle competenze e della meritocrazia, e poi non le sfrutta?”. Un’altra domanda a cui “La Buona Scuola” di Stefania Giannini e Matteo Renzi non è ancora riuscita a trovare una risposta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto nelle scuole, le denunce si moltiplicano. “È nel 10% delle strutture”. Ma gli istituti non si fanno censire

next
Articolo Successivo

Telecamere a scuola, la legge pulisce le coscienze dei politici ma non risolve i problemi

next