“In nome del mio Paese e per rispetto della verità reale dei fatti accaduti tra gli anni ’80 e i ’90 mi vedo costretto a esporre i gravissimi errori di una serie che si autoproclama veritiera, ma che invece è assai lontana dall’esserlo, e insulta pertanto la storia di tutta una nazione, di moltissime vittime e famiglie”. Firmato: Juan Pablo Escobar. E tanto basta per capire che la serie in questione è Narcos, la cui seconda stagione è stata da poco distribuita da Netflix.

Gli appassionati della serie TV lo conosceranno perlopiù come un bimbo grassottello coi capelli immancabilmente impomatati, sempre accanto alla sorella più piccola nell’atto di tirar calci ad un pallone o di tuffarsi nella piscina di una delle tante ville meravigliose del padre. Ma oggi Juan Pablo Escobar è una persona molto diversa dal personaggio che lo interpreta in Narcos: talmente diversa da aver cambiato persino il nome, scegliendolo a caso da un elenco telefonico. Oggi Juan Pablo Escobar si chiama Sebastian Marroquin, e di mestiere fa l’architetto. Ma evidentemente non rinnega le sue origini, e ci tiene a che la storia di suo padre e della sua famiglia non venga alterata. Ecco perché in un lungo post sulla sua pagina Facebook decide di segnalare i 28 errori commessi presenti nella serie: 28 circostanze in cui la narrazione cinematografica risulta infedele rispetto alla verità storica. Ne abbiamo selezionati 15, quelli che appaiono come i più evidenti, e ve li proponiamo. Con un avvertimento: nelle righe che seguono potrebbe esserci un po’ di spoiler.

Narcos 2, i 15 peggiori errori della serie secondo il figlio di Pablo Escobar

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reazione a catena, quiz tv a perdere

next
Articolo Successivo

Palinsesti Sky 2016-17, ecco le novità: da Celebrity Masterchef alla serie Zero Zero Zero tratta dal libro di Saviano

next