Reazione a catena. Puntata di sabato 10 settembre. Siamo all’ultima prova, il montepremi è di poco più di 8.000 euro. C’è da indovinare una parola che inizia per CO e finisce per O. Il primo vocabolo guida è SISTEMA. Ci era venuto di dire COMPLESSO, ma il secondo vocabolo guida è PARCO. Un “parco complesso”? E che accidenti sarebbe? Il “complesso di un parco”, per dire di tutto ciò che vi è contenuto? Oppure il “complesso del parco”? Magari la sindrome esiste, è stata codificata e non lo sappiamo. Digitiamo COMPLESSO DEL PARCO, facendolo precedere e seguire dalle virgolette alte per rendere mirata la ricerca. Non esce nulla di significativo o di interessante. Magari, più che un complesso, s’intende suggerire una nevrosi, un disturbo della personalità. L’ha detto Freud, d’altronde: alla base dei comportamenti nevrotici dell’età adulta c’è quel che è sopravvissuto – nell’inconscio – del complesso di Edipo. Nevrosi: ossessioni, angosce, paranoie… fobie.

Ecco. Potrebbe trattarsi proprio di fobie. Siamo curiosi, non resistiamo. Proviamo a cercarne un po’ in rete, a partire da quelle repertoriate nei siti specializzati come http://www.fobie.org. Sono un’infinità: acluofobia, o nictofobia (paura del buio); aerofobia (paura di volare); agorafobia (paura degli spazi aperti); amaxofobia (paura di guidare un’auto o un motociclo); aracnofobia (paura dei ragni); belenofobia, o tripanofobia (di aghi, spilli, iniezioni…); bromidosifobia (dei cattivi odori); ceraunofobia (dei tuoni e dei fulmini); chiraptofobia (di essere toccati); cinofobia (paura dei cani); claustrofobia (degli spazi chiusi); coprofobia (delle feci); dendrofobia (degli alberi); emetofobia (di vomitare); emofobia (del sangue); entomofobia (degli insetti); eremofobia (di stare da soli); ergofobia, o ergasiofobia (del lavoro da svolgere); ginefobia, o ginecofobia (delle donne); glossofobia (di parlare in pubblico); helminthofobia (dei vermi);  kakorrhaphiofobia (di perdere o fallire); iatrofobia (dei medici);  idrofobia (dell’acqua); laliofobia, o lalofobia) (di parlare); misofobia (dei germi); musofobia, o murofobia (dei topi); nomofobia (di rimanere sconnessi); nosocomefobia (degli ospedali); ofidiofobia (dei serpenti); pediofobia (delle bambole); pharmacofobia (dei farmaci); phasmofobia (dei fantasmi); pnigofobia (di soffocare o di strozzarsi); pocrescofobia, o obesofobia (di ingrassare), rupofobia (dello sporco); sessofobia, o heterofobia (di relazionarsi con il sesso opposto); siderodromofobia (di viaggiare in treno);  spettrofobia, o eisoptrofobia (degli specchi e della nostra immagine specchiata); tacofobia (della velocità); tafofobia (di rimanere sepolti vivi); tecnofobia (della tecnica); urofobia (dell’urina); venustrafobia, o caliginefobia (delle belle donne); zoofobia (degli animali)… Niente. Ci sarebbe l’hylofobia, la paura dei boschi, ma parchi e boschi non si assomigliano molto.

Forse allora PARCO è aggettivo? Ne ripassiamo mentalmente un po’ di sinonimi: frugale, misurato, regolato, moderato, sobrio… Ci viene CONTENUTO. Ma cosa mai sarebbe un sistema CONTENUTO? Boh. Eureka! CONTROLLATO. L’espressione sistema controllato è in uso nella scienza dei sistemi di controllo, e di una persona parca si può ben dire che si contiene, che sa controllarsi. I concorrenti optano per COMPOSTO. Peccato. Aspettiamo la scontata conferma alla nostra ipotesi. Non arriva: la soluzione è COMPLESSO.

Torniamo così a bomba. È sempre il “parco complesso” che non sappiamo cosa sia, oppure quel “complesso del parco” che non abbiamo trovato? Niente di tutto questo. Il PARCO è un PARCO AUTO, e il legame con COMPLESSO consiste nel fatto – Amadeus prova a spiegarlo, ma non gli riesce molto bene – che un autoparco è un insieme di autoveicoli. Come spiegato in questa definizione, tratta da un dizionario on line dell’Istituto della Enciclopedia Italiana (http://www.treccani.it/vocabolario/autoparco):

auto

Consigliamo agli autori di Reazione a catena, qualora decidessero di ripescare AUTOPARCO, di agganciarlo a LUOGO. A voler rendere la prova un tantino più difficile – fa fede la definizione del vocabolario dell’autorevole Treccani – potrebbero però optare per DOVE. Oppure per DEGLI, o per UN, o per IL. Ma ci sarebbe una soluzione più semplice. Non per loro, per la Rai: cambiarli. Troppe volte la “catena” del programma, al rush finale, ha sfidato la logica. Spiazzando perfino chi è del mestiere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pechino Express, ottimi ascolti per la prima puntata. La coppia più antipatica? Francesco Sarcina e la moglie. Lory Del Santo a rischio eliminazione

next
Articolo Successivo

Narcos 2, i 15 peggiori errori della serie secondo il figlio di Pablo Escobar

next