Fare l’insegnante al Sud Italia rischia di diventare quasi un’utopia: al Nord ci sono più alunni, più istituti, più attività. Semplicemente più richiesta. E il piano straordinario della riforma, con annessa mobilità straordinaria, sembra aver saturato completamente le cattedre meridionali. Infatti quest’anno appena il 10% delle circa 30mila immissioni in ruolo previste dal Ministero andrà nelle Regioni del Sud. Con alcuni picchi di squilibrio clamorosi: dei quasi 4mila posti da maestri che saranno assunti in questi giorni, neanche uno andrà al Sud. Numeri così allarmanti da far venire persino qualche dubbio sulla possibilità effettiva di assorbire tutti i vincitori del concorso scuola 2016.

Esodo insegnanti, appena il 10% di cattedre al Sud: a Nord più alunni e richiesta. Cgil: “Trasferimenti inevitabili”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Test medicina 2016, chi è a favore del numero chiuso?

next
Articolo Successivo

Scuola, ricominciano le lezioni ma mancano i bidelli. La lettera al Ministero “A rischio la sicurezza degli allievi”

next