Fare l’insegnante al Sud Italia rischia di diventare quasi un’utopia: al Nord ci sono più alunni, più istituti, più attività. Semplicemente più richiesta. E il piano straordinario della riforma, con annessa mobilità straordinaria, sembra aver saturato completamente le cattedre meridionali. Infatti quest’anno appena il 10% delle circa 30mila immissioni in ruolo previste dal Ministero andrà nelle Regioni del Sud. Con alcuni picchi di squilibrio clamorosi: dei quasi 4mila posti da maestri che saranno assunti in questi giorni, neanche uno andrà al Sud. Numeri così allarmanti da far venire persino qualche dubbio sulla possibilità effettiva di assorbire tutti i vincitori del concorso scuola 2016.

Esodo insegnanti, appena il 10% di cattedre al Sud: a Nord più alunni e richiesta. Cgil: “Trasferimenti inevitabili”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Test medicina 2016, chi è a favore del numero chiuso?

prev
Articolo Successivo

Scuola, ricominciano le lezioni ma mancano i bidelli. La lettera al Ministero “A rischio la sicurezza degli allievi”

next