Assunzioni 2016
Assunzioni 2016

AL SUD SOLO IL 10% DELLE CATTEDRE – Intanto c’è un dato certo: le 29.720 assunzioni autorizzate dal Ministero per l’anno scolastico 2016/2017 saranno quasi tutte nelle Regioni del Centro e del Nord del Paese. Parliamo delle immissioni che ogni settembre il Miur realizza per coprire le vacanze dal regolare turnover, e che quest’anno verranno effettuate in parte dalle vecchie Graduatorie ad esaurimento (dove ancora disponibili), in parte dalle nuove graduatorie di merito del Concorsone (dove già disponibili: su tante classi di concorso e in tante Regioni le prove sono in fase di svolgimento); in mancanza di entrambe, si dovrà ricorrere nuovamente alle supplenze. La questione, però, sembra riguardare soprattutto il Nord, perché lì si trova la quasi totalità delle cattedre a disposizione. Sui posti comuni tra primaria, secondaria di primo e di secondo grado (18.865), appena 2.036 sono nel Meridione, 12.864 nel Settentrione e 3.965 al Centro. A far la voce grossa è soprattutto la Lombardia, che vale 4.951 cattedre (oltre il 25% del totale), ma anche Piemonte, Veneto, Toscana. Per quel che riguarda le superiori, ad esempio, il piccolo Friuli-Venezia Giulia conta da solo gli stessi posti di Abruzzo, Molise, Calabria e Basilicata messi insieme. Alle elementari, invece, la situazione diventa ancor più radicale: nel giro di due settimane il Ministero assumerà 3.859 maestri, ma neanche uno al Sud: zero posti spaccati in Sicilia, Campania, Puglia e via dicendo. Discorso simile anche per il sostegno alla primaria: 4.043 nuovi insegnanti per i disabili, addirittura (si fa per dire) 11 al Sud.

INDIETRO

Esodo insegnanti, appena il 10% di cattedre al Sud: a Nord più alunni e richiesta. Cgil: “Trasferimenti inevitabili”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Test medicina 2016, chi è a favore del numero chiuso?

prev
Articolo Successivo

Scuola, ricominciano le lezioni ma mancano i bidelli. La lettera al Ministero “A rischio la sicurezza degli allievi”

next