Assunzioni 2016
Assunzioni 2016

AL SUD SOLO IL 10% DELLE CATTEDRE – Intanto c’è un dato certo: le 29.720 assunzioni autorizzate dal Ministero per l’anno scolastico 2016/2017 saranno quasi tutte nelle Regioni del Centro e del Nord del Paese. Parliamo delle immissioni che ogni settembre il Miur realizza per coprire le vacanze dal regolare turnover, e che quest’anno verranno effettuate in parte dalle vecchie Graduatorie ad esaurimento (dove ancora disponibili), in parte dalle nuove graduatorie di merito del Concorsone (dove già disponibili: su tante classi di concorso e in tante Regioni le prove sono in fase di svolgimento); in mancanza di entrambe, si dovrà ricorrere nuovamente alle supplenze. La questione, però, sembra riguardare soprattutto il Nord, perché lì si trova la quasi totalità delle cattedre a disposizione. Sui posti comuni tra primaria, secondaria di primo e di secondo grado (18.865), appena 2.036 sono nel Meridione, 12.864 nel Settentrione e 3.965 al Centro. A far la voce grossa è soprattutto la Lombardia, che vale 4.951 cattedre (oltre il 25% del totale), ma anche Piemonte, Veneto, Toscana. Per quel che riguarda le superiori, ad esempio, il piccolo Friuli-Venezia Giulia conta da solo gli stessi posti di Abruzzo, Molise, Calabria e Basilicata messi insieme. Alle elementari, invece, la situazione diventa ancor più radicale: nel giro di due settimane il Ministero assumerà 3.859 maestri, ma neanche uno al Sud: zero posti spaccati in Sicilia, Campania, Puglia e via dicendo. Discorso simile anche per il sostegno alla primaria: 4.043 nuovi insegnanti per i disabili, addirittura (si fa per dire) 11 al Sud.

INDIETRO

Esodo insegnanti, appena il 10% di cattedre al Sud: a Nord più alunni e richiesta. Cgil: “Trasferimenti inevitabili”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Test medicina 2016, chi è a favore del numero chiuso?

next
Articolo Successivo

Scuola, ricominciano le lezioni ma mancano i bidelli. La lettera al Ministero “A rischio la sicurezza degli allievi”

next