“O Virginia Raggi viene a riferire in Aula, o noi non parteciperemo ai lavori”. Così Michela Di Biase, capogruppo Pd al comune di Roma, annuncia l’uscita dall’aula Giulio Cesare di tutto il gruppo dem in seguito all’ondata di dimissioni che ha travolto la giunta M5S. “La Raggi tace alla faccia della trasparenza, ma Minenna non è un assessore qualunque, è strategico e vitale per la città, ormai siamo a una guerra tra bande, tra correnti nel M5S, e non vorrei che rotolassero altre teste” di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, si dimette anche l’amministratore unico di Ama. Solidoro era stato nominato da giunta M5s un mese fa

prev
Articolo Successivo

Né opposizione né governo, non rimane che sperare nel Fatality Day

next