Due bombe sono esplose nella località turistica di Hua Hin, in Thailandia, e la seconda ha ucciso una donna e ferito altre 23 persone, tra cui nove viaggiatori stranieri. Quattro sono in condizioni gravi, secondo il sito Khaosod english che cita il capo della polizia locale Sitthichai Srisopacharoenrat. Tra i feriti c sarebbero due donne inglesi e una ragazza tedesca.

Il corrispondente della Bbc dall’Asia Jonathan Head, tra i primi a dare la notizia, ha scritto su Twitter che secondo la polizia locale le due bombe sono scoppiate a distanza di 30 minuti l’una dall’altra, nel primo pomeriggio italiano (dopo le 22 ora locale) nella zona dei bar e dei ristoranti più frequentati dagli stranieri. Le forze dell’ordine hanno fatto sapere che gli ordigni erano nascosti in vasi di piante e sono stati attivati da telefoni cellulari. Nel Paese è attivo da 12 anni un movimento separatista armato e attentati di questo tipo sono già avvenuti, ma non in strutture turistiche.

Secondo Head una terza bomba è deflagrata nel pomeriggio in un’altra provincia del Paese, a Trang. La stampa locale riporta che un uomo è rimasto ucciso e cinque persone ferite nella zona del mercato, a 200 metri dalla sede della polizia provinciale e vicino al municipio e agli uffici del governo locale. In questo caso, però, secondo le forze dell’ordine la matrice non è terroristica: dietro l’esplosione ci sarebbero liti tra i venditori del mercato.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crimea, sale la tensione tra Ucraina e Russia. Kiev alle truppe: “Allerta massima, prepararsi al combattimento”

next
Articolo Successivo

Regeni, Barani recidivo ai media egiziani: “Il governo Al Sisi è vittima del caso”

next