Due alpinisti tedeschi, un uomo e una donna, sono morti dopo essere precipitati dalla Cresta del Breithorn centrale, a circa 4.000 metri di quota, sul gruppo del Monte Rosa in Valle d’Aosta. Da quanto si apprende dal soccorso alpino della Valle D’Aosta, il percorso sul quale si trovava la coppia conta numerosi passaggi esposti e si ipotizza che i due siano scivolati su un tratto misto di rocce e neve, precipitando per 300 metri. I loro corpi sono stati recuperati dal soccorso alpino valdostano, lungo il ghiacciaio di Verra, sul versante Sud del massiccio del Monte Rosa che si trova nella valle di Ayas.

L’allarme è stato dato da altri alpinisti, che erano impegnati in una scalata nella stessa zona. Le salme sono state portate a Champoluc a disposizione della Guardia di finanza, che ha eseguito le operazioni di identificazione.

Quattro giorni fa invece i soccorritori avevano trovato morti assiderati, sepolti sotto mezzo metro di neve, due alpinisti inglesi di 67 anni. Erano stati sorpresi da una di neve: condizioni ampiamente previste dai bollettini meteo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, donna precipita in un parcheggio interrato e muore: forse mancava grata

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, Paolo Rabitti e l’accusa alla Muraro: “Un errore nel curriculum, non ha dato supporto alla Procura di Napoli”

next