Per quanto riguarda le banche più grandi Intesa Sanpaolo, la più solida tra le italiane in base ai risultati degli ultimi stress test dell’Eba e forte di un utile 2015 di 2,7 miliardi, lo scorso anno ha versato 900mila euro al presidente del consiglio di sorveglianza Giovanni Bazoli e altrettanto a Gian Maria Gros Pietro, che presiede il consiglio di gestione. Bazoli, da aprile 2016 presidente emerito, ha ricevuto in aggiunta anche 9mila euro di gettoni di presenza nella veste di membro del comitato nomine della banca. A Carlo Messina, direttore generale e amministratore delegato, sono andati in totale 2,3 milioni tra compensi fissi (1,65 milioni), bonus e altri incentivi (502mila euro), benefici non monetari per un valore di 59mila euro e “altri compensi” per 119mila euro. A questo vanno aggiunti 1,24 milioni sotto forma di azioni della banca. Il direttore generale di Ca’ de Sass Gaetano Miccichè, che nell’aprile 2015 ha lasciato la poltrona di ad della controllata Banca Imi per diventarne poco dopo vicepresidente (quest’anno è stato poi promosso presidente), si è visto poi riconoscere 1,6 milioni tra stipendio fisso, bonus e incentivi e ha ricevuto azioni per un controvalore di 837mila euro. La banca non ha in programma esuberi ma sta portando avanti un piano di “riconversioni” che riguarda 3mila dipendenti in Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consob, lo strano giro di poltrone nell’ultimo anno di mandato di Vegas

next
Articolo Successivo

Generali, Bolloré ci riprova. E cerca la sponda di Berlusconi per convincere Renzi

next