Andrew Jones è il fitness model senza cuore. Nulla a che vedere con la mancanza di sentimenti o con il carattere spigoloso: il cuore dello sportivo non ha un battito percepibile. Così Jones, nato a Farmington nel Connecticut, ha affidato la propria vita a un cuore artificiale, collegato a due batterie e a un computer che si porta in giro dentro allo zaino.

“La notte, quando vado a letto, metto prima in carica il telefono, poi me stesso” ha affermato lo stesso modello durante un video-racconto pubblicato dal sito Great Big Stories.
Il bodybuilder è affetto dalla cardiomiopatia ipertrofica, una malattia che nella maggioranza dei casi è genetica e che ispessisce le pareti del cuore facendolo diventare ipertrofico. In attesa del trapianto, i medici gli hanno installato il “dispositivo di assistenza ventricolare“: una pompa artificiale che sostituisce il lavoro che dovrebbe compiere il suo cuore. “Sono lo zombie più bello che abbiate mai visto”, dichiara scherzosamente il giovane atleta durante l’intervista e commenta così le sue cicatrici “sono bellissime, raccontano la tua storia a chi le vede”.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

David Huddleston, morto “il grande Lebowski”: storia di un personaggio diventato culto (e di un film diventato religione)

next
Articolo Successivo

Gianluca Vacchi, il Dan Bilzerian italiano compie 49 anni. Dialogo surreale

next