Accesso ai social media limitato e rallentato. Chiusa la televisione di Stato, che ha interrotto le trasmissioni. La Turchia è rimasta quasi isolata per alcune ore della notte tra il 15 e il 16 luglio, mentre nel Paese era in corso un tentativo di colpo di Stato dell’esercito contro il presidente Tayip Erdogan. I militari hanno fatto irruzione nella sede della tv statale Trt e spento il segnale. Intorno a mezzanotte nel palazzo della tv si è sentita un’esplosione. Poi, intorno alle 2, le trasmissioni sono riprese. I soldati che presidiavano la sede sono stati “presi in custodia” dopo l’ingresso nell’edificio di una folta folla lealista. La conduttrice ha detto di essere stata tenuta in ostaggio e costretta dai golpisti a leggere un comunicato.

Twitter, Facebook e Youtube, secondo alcune fonti, sono stati bloccati alle 22:50 locali, le 21:50 in Italia. Su internet sono stati poi diffusi però i link a browser Tor attraverso i quali è possibile accedere alle reti sociali. Intorno alla mezzanotte i gruppi di monitoraggio online Turkey Blocks e Dyn hanno riferito di “difficoltà o impossibilità” di accedere. Sul profilo ufficiale di Twitter si leggeva: “Non abbiamo ragione di pensare di essere stati completamente bloccati, ma sospettiamo che ci sia un intenzionale rallentamento del nostro traffico nel Paese”.

Ha suscitato ironie il fatto che Erdogan, che a sua volta in passato ha più volte reso inaccessibili i social network, abbia diffuso un messaggio alla popolazione parlando attraverso Facetime sullo smartphone di una giornalista che nel frattempo trasmetteva in diretta su Cnn Turk.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Colpo di stato in Turchia, Ankara e Istanbul nel caos: popolazione in piazza

next
Articolo Successivo

Colpo di stato in Turchia, folla sotto i colpi delle armi dell’esercito in diretta Periscope

next