Un convoglio di quattro camion appartenenti all’esercito degli Stati Uniti si aggirava di recente lungo una sezione di 21 miglia della Interstate 69, a circa 40 miglia ad est di Flint, Michigan: non è tuttavia uno spettacolo raro, dal momento che non distante, a Warren, è ubicata la speciale sezione di ricerca militare denominata TARDEC (Army’s Tank Automotive Research, Development and Engineering Center). Ma c’è una grossa novità, in tutto questo: quel che rende il convoglio diverso da tutti gli altri è che i camion in questione rappresentano il primo passo dell’Esercito USA verso propri veicoli privi di conducente, su una strada pubblica.

La tecnologia radio in fase di sperimentazione è chiamata comunicazione dedicata a corto raggio, integrando pure la connettività (V2I) veicolo-infrastruttura. Essa consente ai veicoli di “dialogare” tra loro e al tempo stesso, attraverso i sensori stradali, comunicare dati quali posizione, velocità e condizioni di marcia. Il TARDEC ha testato la tecnologia per anni in ambienti chiusi, ma ultimamente è passato alla fase sperimentale su strada, per verificare il reale funzionamento dei sistemi nel mondo reale.

L’ubicazione dei test è stata scelta non soltanto per la vicinanza al quartier generale militare, ma anche perché il Dipartimento dei Trasporti del Michigan aveva già a disposizione un’infrastruttura stradale connessa: i sei sensori sul ciglio della strada che raccolgono dati e si connettono ai veicoli in transito fanno parte di una rete più ampia, che il dipartimento sta implementando su alcune strade nel sud-est dello stato. Anche la Toyota, per questo motivo, ha recentemente ampliato i propri test con vetture connesse nella regione, sfruttando la propensione dell’amministrazione locale a puntare sulle tecnologie della interconnessione tra veicoli privi di conducente dopo aver approvato alla fine dello scorso maggio una legge che autorizza le automobili a guida indipendente.

Più nello specifico, durante i test con i convogli militari, un conducente rimane dietro al volante in ogni momento, insieme a un passeggero incaricato di monitorare ogni momento via computer portatile. I dati raccolti contribuiscono ad ampliare la capacità dei veicoli di rilevare le segnalazioni relative all’attivazione dei freni, le curve successive sulla strada, altezza di ostacoli come i ponti, corsie chiuse o ad accesso limitato ed altri ostacoli potenziali. Non vi è ancora alcun calendario preciso relativo alla distribuzione di veicoli militari completamente privi di conducente; tuttavia, nei prossimi anni il TARDEC espanderà la sperimentazione includendo tra l’altro la funzionalità di convoglio, dove il camion di testa controlla la velocità e la direzione degli altri veicoli che seguono. Secondo Paul Rogers, direttore del TARDEC, “il potenziale di protezione sotto i profili di sicurezza ed armamento, raggiungibile con la guida automatizzata, può cambiare radicalmente il modo in cui l’Esercito approccia logistica e trasporti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Kia, come qualità negli Usa batte persino la Porsche

prev
Articolo Successivo

Tesla Model S, arriva il primo incidente mortale di un’auto a guida autonoma. Vittima un ex marine

next