Un altro pezzo di moda italiana passa in mano cinese. Si tratta del multimarca del lusso Excelsior Milano: come riferisce il Sole 24 Ore, Coin-Ovs cederà presto la controllata alla società Guangzhou Canudilo per 21,3 milioni di euro. L’intesa prevede la cessione di Exclesior Milano a Modern Avenue, a sua volta controllata di Canudilo. Sarà Guangzhou a gestire negozi e brand fuori dall’Italia: sono previste cinque aperture di nuovi store in Cina entro il 2020.

Excelsior non è il primo acquisto della società cinese in terra italiana. Canudilo aveva già comprato il 51% del marchio della moda Bikkembergs da parte di Zeis di Maurizio Pizzuti, oltre la veneta Sinv. La società cinese controlla direttamente 400 store di moda in Cina e e ne possiede altri 200 in concessione da brand del lusso italiani e francesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Brexit, ministro Calenda: “Investimenti pubblici e misure fiscali per tre anni restino fuori dal deficit pubblico”

next
Articolo Successivo

Ilva, pronta la cordata di Cassa depositi prestiti, Arvedi e la Delfin di Del Vecchio: nascerà la newco Acciaitalia

next