Hanno già affrontato il tema di italiano e la seconda prova (diversa per ogni indirizzo). E lunedì 27 giugno per i maturandi si concludono gli scritti dell’esame di Stato con la terza prova, cioè il ‘quizzone’, con domande che riguardano le materie dell’ultimo anno.

A predisporre i test non è il Miur ma le singole commissioni d’esame. Sei le tipologie di scelta da parte della commissione: trattazione sintetica (5 quesiti, anche a carattere pluridisciplinare); quesiti a risposta singola (10-15 quesiti su argomenti riguardanti una o più materie); quesiti a risposta multipla (da 30 a 40: si deve scegliere l’opzione corretta tra le diverse riposte presentate); problemi a soluzione rapida (non più di 2); analisi di casi pratici e professionali (prova pensata per gli istituti professionali e tecnici); sviluppo di un progetto (sempre per gli istituti tecnici e professionali). Dopo quest’ultima prova per i ragazzi sarà la volta dei colloqui orali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maturità 2016, terza prova: “Due ragazzi su cinque conoscono già le materie scelte”

next
Articolo Successivo

Maturità? Inutile e costosa. Da abolire

next