Giuseppe Sala detto Beppe è il nuovo sindaco di Milano. Quando il risultato è certo, nella sede del comitato di via Plinio scoppia l’entusiasmo. “Milano siamo noi, solo noi“, cantano in coro davanti a “Beppe sindaco”. Che prende la parola e ringrazia i suoi con voce rotta: “Questa vittoria è per voi”. E se qualcuno urla un “vaffa..” allo sconfitto Stefano Parisi, manco fossimo allo stadio, il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina non trattiene la soddisfazione: si sbraccia, abbraccia, e rosso in volto si libera: “Sì, Dio bono”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Scanzi chiede pronostici a finto Fassino: “Amo scommettere, ho una bisca con Gomez e Nardella”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi 2016, la Raggi ha vinto grazie a una comunicazione coerente

next