L’Inter è dei cinesi, il Milan potrebbe diventarlo. Ma gli investimenti della potenza economica asiatica, com’è noto, si estendono a molteplici settori della nostra economia, dal piccolo commercio all’alta finanza, dalle grandi aziende ai migliori marchi del made in Italy. E vanno avanti senza sosta. Diventeremo una colonia economica cinese? Molti lo temono. “E’ l’effetto della globalizzazione, del predominio della finanza internazionale”, osservano alcuni degli intervistati nel quartiere milanese di Chinatown. “Ormai siamo già una colonia, fra dieci anni in Italia comanderanno loro”, dichiarano altri. “Ma no, è tutto normale, i cinesi lavorano, investono e producono ricchezza, non c’è nulla di male“, ribattono altri ancora. E voi come la pensate sull’avanzata della Cina? Dite la vostra nei commenti  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Politici indagati: quando è opportuno dimettersi? Vox e sondaggio di Piero Ricca

next
Articolo Successivo

Brexit, vince il popolo o i populisti? Parola agli italiani, tra contrari e “ora tocca a noi”

next