Conquistati i delegati per la nomination repubblicana tra l’indignazione generale Donald Trump ha tenuto il suo comizio a San Diego (California), in vista delle primarie del 7 giugno per cui il miliardario è ormai unico candidato, mentre fuori al centro convegni della città c’erano disordini e scontri tra manifestanti, pro e contro, e la polizia. Erano circa mille i dimostranti contro il miliardario che aspira alla Casa e alla fine sono state 35 le persone arrestate.

I dimostranti hanno scandito slogan, mostrato cartelli, bandiere americane e messicane, per opporsi alle posizioni sull’immigrazione del magnate, ma hanno anche scavalcato barriere e lanciato bottiglie. Una decina di persone sono state subito bloccate di fronte al centro convegni dopo che un gruppo di dimostranti è riuscito a scavalcare le transenne posizionate dalla polizi. Dopo il comizio, quando il centro convegni si era svuotato, gruppi di sostenitori di Trump e di suoi oppositori hanno iniziato a scambiarsi insulti e lanciarsi oggetti nelle strade. La polizia antisommossa ha dichiarato il raggruppamento illegale, ordinato alla folla di disperdersi: chi si è rifiutato è stato arrestato: In manette sono finite altre altre 25 persone, 18 invece le persone medicate sul posto. 

Mentre fuori c’erano i disordini il candidato ha attaccato Gonzalo Curiel, il giudice che si sta occupando del caso della Trump University. “Mi odia”, è “molto ostile”, “è messicano” ha detto. “Ci vediamo a novembre, anche da presidente. Il giudice Curiel dovrebbe vergognarsi. Il giudice è messicano e ritengo che alla fine i messicani mi appoggeranno”.

La città di San Diego vicina al confine con il Messico – confine sul quale il tyccon promette di costruire un muro anti-immigranti – ha un terzo dei cittadini latinoamericani e molte persone che vivono e lavorano su lati diversi della frontiera. Ogni giorno il passaggio di confine di San Ysidro, che collega San Diego e Tijuana, è attraversato da circa 300mila persone che si spostano legalmente tra i due Paesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, 45 corpi recuperati nel Canale di Sicilia. “Decine di persone annegate”. Tremila persone verso i porti italiani

prev
Articolo Successivo

Ttip: tra accordi statali e disaccordi privati

next