È rimasta buona buona sulla sua poltrona di giudice di Amici, subendo sin troppo passivamente la decisione di Elisa e Emma di “spegnerla” e far votare Morgan. È stata così serafica, nel corso del serale del talent show di Maria De Filippi, che non sembrava neppure lei. Ma Anna Oxa, artista irregolare e temperamento fumantino, ha semplicemente aspettato la fine dell’avventura per farsi riconoscere.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione della finalissima di mercoledì sera, infatti, la cantante barese se l’è presa con Virginia Raffaele e la sua comicità, che è un po’ come prendersela con la Nutella o Papa Francesco, visto che la comica romana piace (giustamente) a tutti.

“Mi dissocio da questo genere di comicità – ha detto la Oxa – perché per me la comicità è altro. Ne ho una visione diversa. Questo è il mio modo di intendere l’arte: con responsabilità quando ci si rivolge ai giovani. Ci tengo a dissociarmi perché “Datela!”, durante una performance non mi sembra un messaggio da veicolare”.

La scorsa puntata, Virginia Raffaele ha interpretato una Jessica Rabbit appesantita dagli anni e dalle mode che cambiano, e onestamente non è certo stata l’esibizione migliore per un’artista che si ha abituati all’eccellenza comica. Ma davvero un “Datela!” urlato interpretando un fumettone può provocare l’indignazione di chi, come la Oxa, “ha una visione diversa della comicità”? È una “oxata”, niente di più. E visti i precedenti polemici della cantante (da Ballando con le stelle ai social network), non c’è molto da stupirsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Voice of Italy 2016, due (miseri) milioni di spettatori per la finale. Per la cronaca, non certo per la storia, vince Alice Paba

next
Articolo Successivo

Beautiful, la soap americana nei guai per una battuta sul Grana Padano

next