La morte di Marco Pannella per i cinquantenni è un’emozione fortissima, ed il primo problema è dove diavolo ritirarsi a piangerlo per un po’. Pannella ha rappresentato un padre ed un ispiratore per me e tanti colleghi, incarnato a fondo lo spirito libertario,insofferente, anticonformista, di chi non fosse Cattolico o Comunista, rafforzandone l’identità, lo spirito, le lotte.
Rappresentando e facendo crescere quell’Italia libera e moderna senza la quale neanche tanti “cattolici praticanti” avrebbero potuto divorziare e ricostruirsi una vita, rendendoli più aperti e moderni.

Alla fine anni ’70, gli anni di piombo e della ‘cappa’ catto-comunista, ha contribuito a creare una generazione di giovani leader ‘non omologati’ , ‘sociali e liberali al contempo, impegnati ma ‘liberi’, radicali ma non violenti, che hanno vissuto l’impegno non come obbligo o sacrificio, ma come scoperta e divertimento, promosso autogestioni e piazze da cui sono derivati percorsi umani, professionali, associativi.  La sua lezione ed il suo approccio culturale ci hanno aiutato, nel settore, a non chiuderci in una noiosa cultura nonprofit ‘catto-comunista’, ispirando valori di anticonformismo, disinteresse per il consenso a tutti i costi, originalità delle strategie di lotta.

A pensare il più possibile con la propria testa, non con l’ideologia della parrocchia di riferimento. A centrare l’attenzione sulla persona, sulla sua libertà, sui suoi diritti, e non solo sui suoi doveri sociali o sull’organizzazione come ‘totem’ a cui tutti devono subordinarsi. A noi non rimane che aumentare impegno, coerenza, originalità, un maggiore rispetto per i diritti della persona – anche all’interno delle nostre organizzazioni, e soprattutto tenere alto il senso dell’humor in mezzo al ‘mare di guai’ in cui, per scelta e per mestiere, navighiamo tutti i giorni.  Riporto l’omaggio di Don Ciotti, all’anticlericale per eccellenza:  “Ho sempre sostenuto Pannella.Ci mette la sua vita, la sua passione, la sua forza, il suo impegno. A questo signore, questo paese deve molto”.

Forza Marco, il paradiso ti attende (con un certo timore…).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uber, i turisti italiani i più educati nella classifica stilata dagli autisti dell’app di mobilità durante Eurovision 2016

next
Articolo Successivo

Marco Pannella, il legalizzatore

next