Privatizzare i servizi pubblici è fuori discussione. Debbono rimanere pubblici”. Lo ha detto la candidata sindaco di Roma del M5s, Virginia Raggi, durante un’iniziativa dell’Usb in Campidoglio. “C’è qualcuno che diffonde voci sul fatto che – spiega la Raggi – noi entriamo nelle istituzioni, privatizziamo e licenziamo. Lo dico chiaramente: per i noi i servizi essenziali, come scuola, Atac e Ama devono rimanere pubblici”. E, alla domanda se sono discorsi di sinistra, la candidata M5s risponde: “No di buonsenso, è un programma appoggiato da tanti attivisti di ogni estrazione politica”. Poi sul caso Pizzarotti dice: “Non credo ostacolerà la nostra corsa per il Campidoglio, noi andiamo avanti per la nostra strada e i cittadini giudicheranno il nostro lavoro. La posizione espressa dal blog sulla trasparenza è quella corretta. Ma – prosegue – il caso del sindaco di Pomezia è diverso: ha già chiarito tutto con un post, non credo si possa accostare alla vicenda di Parma”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali, retromarcia del governo: “Si voterà solo la domenica”. Alfano: “Ho cambiato idea dopo polemiche”

prev
Articolo Successivo

M5s, la tirannia delle regole e delle approssimazioni successive

next