“Dal 15 luglio al 10 settembre tanti italiani saranno al mare e come dice Bonaccini dobbiamo andare con loro, a fare mobilitazione sulle spiagge sul referendum. Non assaliremo gli italiani sulla spiaggia ma il Pd dovrà essere in permanente attenzione”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi in direzione Pd. “Poi il rush finale – ha aggiunto – ci sarà dal 10 settembre al 15 ottobre, data del referendum, con l’attivazione della seconda classe Dem”. “Finito quel passaggio io credo si debba aprire la fase congressuale“, ha concluso

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Sinistra italiana: “Renzi vuole trasformare il referendum in un plebiscito su di sé”

next
Articolo Successivo

Referendum, Renzi: “Critiche a ddl da archeologi travestiti da costituzionalisti”

next