Dalle teche della Rai sbuca un vecchio filmato nel quale il presidente dell’Inps, ai tempi giovane attivista politico dell’estrema sinistra, spiega i motivi dell’autoriduzione: l’imposizione di un prezzo ritenuto congruo per un bene o un servizio, una delle pratiche più gettonate di tutti i movimenti dagli Anni ’70 ai giorni nostri. E’ il 1976 e nelle sale è appena uscito Novecento di Bernardo Bertolucci, ma il biglietto costa 2500 lire. A quel punto il giovane Tito Boeri, presentato dal giornalista come “dirigente di un circolo in zona Ticinese”, difende “l’esigenza di alcuni di noi di vedere un film a un prezzo popolare”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prince morto a 57 anni: “Ricoverato per overdose”. Tmz: “Mercoledì sera era in farmacia”. Oggi l’autopsia

prev
Articolo Successivo

25 aprile, Elsa l’ex staffetta bambina: “Lottai coi partigiani, ma nessuno ci credeva: mi guardavano come fossi una poco di buono”

next