Dalle teche della Rai sbuca un vecchio filmato nel quale il presidente dell’Inps, ai tempi giovane attivista politico dell’estrema sinistra, spiega i motivi dell’autoriduzione: l’imposizione di un prezzo ritenuto congruo per un bene o un servizio, una delle pratiche più gettonate di tutti i movimenti dagli Anni ’70 ai giorni nostri. E’ il 1976 e nelle sale è appena uscito Novecento di Bernardo Bertolucci, ma il biglietto costa 2500 lire. A quel punto il giovane Tito Boeri, presentato dal giornalista come “dirigente di un circolo in zona Ticinese”, difende “l’esigenza di alcuni di noi di vedere un film a un prezzo popolare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prince morto a 57 anni: “Ricoverato per overdose”. Tmz: “Mercoledì sera era in farmacia”. Oggi l’autopsia

next
Articolo Successivo

Prince, Bruce Springsteen si tinge di viola. E a Brooklyn apre con ‘Purple Rain’

next