Fino a 55 milioni di euro di bonus straordinario. A tanto potrà ammontare lo “special award” riconosciuto nel 2019 al nuovo amministratore delegato di Telecom, Flavio Cattaneo, e ad alcuni suoi manager che lui stesso è chiamato a identificare, a patto che superino gli obiettivi fissati dal piano industriale 2016-2018 dell’ex monopolista delle tlc. Il piano prevede 600 milioni di risparmi, che il socio di maggioranza Vivendi chiede di aumentare di 1 miliardo.

Il collegio sindacale ha espresso parere contrario al maxi bonus, sulla base di “criticità inerenti le modalità di commisurazione della parte variabile della remunerazione (special award), anche in relazione ai benchmark di mercato e alla sua determinazione esclusivamente sulla base di miglioramenti rispetto al Piano industriale 2016-2018 già precedentemente approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 15 febbraio 2016″. Dal canto suo Asati, l’associazione dei piccoli soci, ha convocato per il fine settimana il comitato direttivo dell’associazione per individuare le eventuali azioni da intraprendere a difesa e tutela degli azionisti che rappresenta. Lo “special award” è soggetto all’approvazione dell’assemblea degli azionisti convocata per il 25 maggio.

In base al pacchetto concordato tra l’azienda e l’ex numero uno di Ntv subentrato a Marco Patuano, il premio verrà pagato nel 2020, per l’80% in azioni e per il 20% cash. Ammonterà, si legge nel documento informativo, a “massimo il 5,5% della differenza tra il risultato ottenuto e quello previsto dal piano, da calcolare al netto dei pagamenti non prevedibili derivanti dalla gestione precedente al 30 marzo 2016 (data di nomina di Cattaneo come amministratore delegato) e dei cambiamenti del capitale azionario che abbiano effetti sui parametri di calcolo. Il 4% sarà riservato alla remunerazione dell’amministratore delegato, mentre il rimanente massimo 1,5% sarà destinato a benefit per gli altri manager della compagnia, che saranno identificati dall’ad”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nozze Stampa-Repubblica, Confalonieri: “Da annullare, violano legge editoria”. Elkann: “C’è accordo con le autorità”

prev
Articolo Successivo

Popolare di Vicenza, l’astensione di Cattolica e Generali ha salvato Zonin da azione di responsabilità

next