All’indomani della strage di Bruxelles cresce la preoccupazione per attacchi terroristici anche in Italia. “Pure il nostro Paese è a rischio, soprattutto se si deciderà di intervenire in Libia“, dichiara più di un viaggiatore davanti alla stazione Centrale di Milano. “Se vogliono ci colpiscono, non si può controllare tutto”, osservano altri. “Ma non ci si può far paralizzare dalla paura”, affermano in tanti. Sale la richiesta di misure straordinarie di prevenzione: “Occorre una risposta di forza, servono maggiori controlli da parte di esercito e apparati di polizia”. Paura e fatalismo si alternano nelle risposte. “Questa situazione mi angoscia, soprattutto per i giovani, che futuro hanno davanti?”, si domanda una signora, in ansia per il viaggio della figlia a Berlino. “Io non ho paura, non mi farò limitare la mia libertà dal terrore di attentati”, le risponde una ragazza appena arrivata dalla Sicilia. Ma l’amica che avrebbe dovuto accompagnarla all’ultimo momento, dopo la tragedia di Bruxelles, ha rinunciato al viaggio. E voi quale impressione avete? Temete attentati anche in Italia?  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, è Antonio De Iesu il nuovo questore. Ha 60 anni ed è nato a Napoli

prev
Articolo Successivo

Attentati Bruxelles, mima un mitragliatore in una scuola di Cremona: sospeso uno studente delle medie

next