Il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro in me. Non aveva dubbi il filosofo Immanuel Kant. E neanche Nadia, professoressa di inglese, che prima che la lingua e la letteratura, ai suoi studenti vorrebbe insegnare l’onestà e il rigore morale. Ma a volte la vita ci obbliga a mettere in discussione tutto ciò in cui crediamo. E i principi in cui pensiamo di credere si sbriciolano di fronte alla realtà. Questo racconta The Lesson – Scuola di vita, film bulgaro di cui il fattoquotidiano.it vi propone il trailer in esclusiva.

Quando uno dei suoi studenti viene derubato la donna Nadia non ammette che l’azione resti impunita ed esige che il colpevole salti fuori. La scoperta di uno sfratto imminente la forzerà a cambiare prospettiva e, messa alle strette, si scoprirà disposta a tutto pur di ottenere i soldi di cui ha bisogno. Per rendersi così conto che il confine tra il giusto e l’ingiusto è meno netto di quanto potremmo credere. Diretta da Kristina Grozeva e Petar Valchanov la pellicola arriverà in sala il 17 marzo grazie a I Wonder Pictures.

La storia è ispirata a un fatto di cronaca: “Alcuni anni fa venne riportato in televisione che, in una cittadina bulgara, una donna aveva rapinato una banca. Tutti sospettavano che fosse stata una tossicomane, una criminale. Nessuno poteva immaginare che – racconta – Petar Valchanov la rapinatrice della banca fosse in realtà una rispettabile insegnante con due lauree. Questo evento, accaduto nella nostra realtà, ci aveva lasciato una profonda traccia e aveva fatto sì che ci chiedessimo – qual è la ragione che spinge una persona rispettabile a diventare una criminale? Volevamo raccontare la storia in modo crudo. Ci siamo adoperati per cercare di raccontarla in modo estremamente veritiero, per creare un film che raccontasse una storia amaramente realistica. Abbiamo scavato a fondo nel mondo interiore dell’insegnante, smuovendo i suoi conflitti interiori e facendo emergere la lotta con la sua stessa moralità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Effetto Oscar 2016, ritornano in sala Mad Max: Fury Road e il Figlio di Saul. Aumentano le copie per Spotlight

next
Articolo Successivo

The Gift, non accettare mai regali da uno sconosciuto. Il thriller orrorifico di Joel Edgerton (TRAILER)

next