Per la dialisi ogni anno sette pazienti dell’ospedale “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria sono costretti a fare la spola con Messina. Perché nel capoluogo calabrese la lista d’attesa è troppo lunga. Saltano su un traghetto tre volte a settimana, per 312 viaggi di andata e ritorno e 104 ore di navigazione l’anno. Fino al 2012 erano una trentina i pazienti in dialisi in trasferta forzata sull’isola. Altri venti pazienti ancora oggi fanno avanti e indietro dai centri di Scilla e Melito, a una ventina di chilometri di distanza. Il viaggio, anche in questo caso, è a carico della Regione. Si tratta quasi sempre di pazienti anziani con associate comorbidità per cui sarebbe meglio evitare il più possibile spostamenti lontani e scomodi.

malati 640

Grazie a un progetto dell’azienda ospedaliera da 120mila euro, che ha richiesto a medici e infermieri ore di lavoro supplementari, l’assistenza è stata garantita a 16 pazienti in più recuperando 508mila euro l’anno (che prima finivano nelle casse della sanità siciliana). Ma un progetto, con durata limitata, non può essere la soluzione a una piaga del genere. L’ospedale quindi ha chiesto alla Regione l’assunzione di un medico e quattro infermieri, arriveranno? Perché l’azienda sanitaria provinciale in tutto questo tempo non ha ancora risolto il problema? Un dializzato spedito in Sicilia costa 186 euro ogni volta. Quanti soldi potrebbe risparmiare la Calabria? Tanti.

Non è finita qui. In alcune località della Calabria (in particolare Vibo Valentia) l’Aned (l’associazione nazionale emodializzati dialisi e trapianto) denuncia l’irregolare fornitura dei farmaci essenziali per i dializzati, come la eritropoietina. In alcuni casi non sarebbe stata addirittura somministrata perché non procurata in tempi utili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Supermercati, l’orario no stop non serve a fermare il calo dei consumi

prev
Articolo Successivo

Istat, nascite al minimo dall’Unità d’Italia: “Solo 488mila nel 2015”. 100mila gli emigrati all’estero

next