Con il via libera delle commissioni congiunte Bilancio e Affari costituzionali della Camera al decreto Milleproroghe è stata riportata al 70% la percentuale di integrazione dello stipendio perso che verrà versata ai lavoratori in contratto di solidarietà. Viene infatti ripristinata una quota del 10% a carico delle casse statali, per la quale lo scorso anno non si erano trovate le coperture, con la conseguenza che il contributo era sceso al 60 per cento. I soldi arrivano dal Fondo sociale per l’occupazione e la formazione, fino a un limite di 50 milioni di euro, e verranno gestiti dal ministero del Lavoro.

Il provvedimento riguarda anche i lavoratori dell’Ilva di Taranto. “L’azione del governo è intrapresa per disinnescare un ulteriore motivo di conflitto in una situazione già difficile e rimediare alla disparità sorta tra tutti i lavoratori Ilva e quelli dello stabilimento di Genova”, ha commentato il segretario generale della Fim Cisl Taranto-Brindisi Valerio D’Aló. “Per tutti gli altri addetti Ilva in solidarietà, invece, non c’era nulla prima dell’intervento del Milleproroghe. Una condizione di inaudita disparità, tant’è che, oltre a rivolgerci ai parlamentari, abbiamo chiamato in causa anche la Regione Puglia per verificare la possibilità di integrare con fondi propri la quota mancante”, ha aggiunto.

“In questo modo si recupera al grave errore fatto col Jobs Act“, ha detto il deputato di Sinistra Italiana, Gianni Melilla, componente della commissione Bilancio di Montecitorio. “Si viene incontro alle giuste esigenze dei lavoratori e delle imprese per gestire senza eccessive penalizzazioni salariali, le ristrutturazioni industriali di tante aziende in crisi”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mense, dipendenti in sciopero. In attesa del contratto da più di 32 mesi

next
Articolo Successivo

Ricercatori precari, difendiamo il nostro lavoro con lo sciopero alla rovescia

next