Da qualche giorno, i laboratori e gli studi di tante università italiane hanno visto un fiorire di magliette rosse e arancioni che raffigurano una ricercatrice e un ricercatore a braccia conserte. Coloro che le indossano non stanno però con le mani in mano, anzi! Svolgono le mansioni più diverse: lavorano nei laboratori e negli archivi, analizzano dati, scrivono articoli, insegnano ed esaminano, organizzano convegni…

Quello che hanno in comune è che sono tutti ricercatrici e ricercatori precari: persone che da anni forniscono un contributo essenziale ed irrinunciabile alla ricerca e alla didattica degli atenei italiani, ma che in ogni loro attività sono accompagnati dal ticchettio di un cronometro che scandisce i secondi mancanti alla scadenza del loro contratto.

Esasperati da una situazione sempre più insostenibile, in molti hanno deciso di aderire allo sciopero alla rovescia indetto dal Coordinamento Ricercatrici e Ricercatori Non Strutturati. Barbara Saracino ci racconta i perché e i percome di questa singolare protesta.

precarie

Il 15 dicembre del 2015 la Commissione Bilancio della Camera ha bocciato l’estensione della indennità di disoccupazione (Dis-Coll) agli assegnisti di ricerca, ai dottorandi e ai titolari di borse di studio, prevista invece per gli altri lavoratori parasubordinati. Con quale motivazione? Sebbene i ricercatori precari versino i contributi alla Gestione Separata Inps, secondo il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il loro lavoro è “fortemente connotato da una componente formativa”. In sostanza, per il ministro Poletti (quello secondo cui è meglio laurearsi modestamente con 97 a 21 anni piuttosto che a 28 a pieni voti), fare ricerca non è un lavoro. In seguito, anche il sottosegretario all’Istruzione Faraone ha avallato questa visione (in Parlamento), per poi smentire se stesso poche ore dopo ritrattando (su Facebook).

A questo ulteriore grottesco quanto paradossale tentativo di delegittimazione del lavoro di ricerca, del sistema universitario e della formazione in generale il Coordinamento delle ricercatrici e dei ricercatori non strutturati ha deciso di rispondere in due modi: con un questionario per raccogliere dati sulla vera natura del lavoro precario di ricerca (compilato da oltre 1200 colleghi) e attraverso uno sciopero alla rovescia.

Era il 2 febbraio 1956 quando Danilo Dolci portò centinaia di disoccupati di Partinico a rimettere in sesto Trazzera vecchia, una strada comunale dissestata e lasciata all’incuria. Quei disoccupati potevano scioperare solo alla rovescia: lavorando. Poiché secondo il Ministero anche noi, come quei disoccupati, non lavoriamo, a sessant’anni da quell’azione (per cui Danilo Dolci venne arrestato e difeso in aula da Piero Calamandrei) abbiamo deciso di indossare una maglietta rossa con la scritta #ricercaprecaria in ogni attività che realizziamo come ricercatori (lezioni, convegni, formazione, esami, ricerca sul campo, laboratori, …) e ad oltranza, per renderci visibili e per raccontare le ragioni della nostra protesta. Chiediamo il riconoscimento della Dis-Coll ma anche lo sblocco del turnover, un piano di reclutamento all’altezza dell’enormità del problema, l’introduzione di una figura unica pre-ruolo, il riconoscimento del valore legale del titolo di studio di dottorato, la critica a questa “valutazione” della ricerca, e in più in generale la promozione e il riconoscimento attraverso politiche di sistema del ruolo dell’Università e della ricerca pubblica.

Abbiamo deciso di scioperare alla rovescia per rispondere con determinazione alla volontà politica di smantellare il carattere pubblico dell’Università e della ricerca: invitiamo chiunque sia preoccupato come noi (gli studenti, il personale tecnico-amministrativo e anche il personale strutturato) a sostenerci e ad indossare una maglietta di colore arancione con la scritta #ricercaprecaria.

Barbara Saracino – Coordinamento ricercatrici e ricercatori non strutturati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ammortizzatori sociali, torna al 70% l’integrazione dello stipendio perso da chi è in contratto di solidarietà

next
Articolo Successivo

Workers buyout, quando i lavoratori recuperano la fabbrica. Con la crisi i casi sono aumentati del 50%

next