In questo primo scorcio di 2016 che si è portato via diversi giganti della musica, se n’è andato anche Paul Kantner. Il co-fondatore dei Jefferson Airplane è morto all’età di 74 anni, stroncato da un attacco di cuore, secondo quanto ha riferito il suo portavoce al San Francisco Chronicle. Kantner fondò la band, tra le più rappresentative dello scenario psichedelico e della musica californiana degli anni ’70, insieme con Marty Balin e Grace Slick nel 1965, e ne divenne subito il leader.

“Il mondo della musica ha perso una vera icona“, ha dichiarato in una nota Neil Portnow, presidente della Recording Academy, la società che assegna i Grammy e che aveva annunciato alcuni giorni fa che avrebbe assegnato un Grammy alla carriera proprio ai Jefferson Airplane.

L’idea di dare vita al gruppo era partita dal cantante Marty Balin, che si incaricò di trovare dei compagni, e fra loro lo stesso Kantner, chitarrista. Della formazione iniziale facevano parte anche il chitarrista Jorma Kaukonen, la cantante Signe Toly, il bassista Bob Harvey e il batterista Jerry Peloquin. I Jefferson Airplane si distinsero all’interno del panorama musicale di San Francisco grazie a dischi come Surrealistic Pillow del 1967 e canzoni come Somebody To Love o White Rabbit. Il gruppo partecipò inoltre a festival memorabili dell’era hippie come Woodstock, Monterey e Altamont.

La band ha vissuto costanti cambiamenti nella sua composizione e nel 1974 Kantner ha riorganizzato i Jefferson Airplane insieme a Grace Slick con il nome Jefferson Starship. Prima Katner aveva inaugurato la sua carriera da solista con il disco Blows Against the Empire del 1970.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Colin Vearncombe morto, addio a Black cantante della hit Wonderful Life

prev
Articolo Successivo

Maurice White, morto a 74 anni re della disco music e fondatore degli Earth, Wind & Fire

next