Mio padre è nato in Egitto, al Cairo, ma la famiglia Farina ha radici campane, più propriamente Castellammare di Stabia. Il rapporto con Napoli è sempre stato forte, per me Napoli è la città più viva del mondo, insieme a New York. Una città catacombale e solare, una vivente contraddizione, elegantissima e sciatta, violenta e romantica, una città dove la catastrofe e la fantasia si fondono, aroma di caffè e di sangue per le strade, una città vulcanica e pietrificata, Vesuvio e Cristo velato, magma in attesa e babà divorato, stato di quiescienza e stato di inquietudine, con il mare che ispira la libertà azzurra e giocosa degli scugnizzi. E solo una città così, aristocratica e popolare, poteva generare Totò. Ma per me Napoli è anche Marietto.

Il mio caro amico Marietto. Quando viene a trovarmi a Milano ci mettiamo sul divano, io accendo la videocamera e iniziamo a dialogare. Non c’è nulla di preparato, Marietto è fatto di spontaneità e intelligenza, basta stuzzicarlo e lui parte, l’ispirazione che lo anima è la vita stessa, il suo passato di scugnizzo, la strada è stata la sua scuola, e questo si sente in ogni sua parola e si vede in ogni suo gesto, è qualcosa che non si può reprimere, un innato ottimismo anche nelle avversità, il senso di una fuga sempre possibile, di una trovata teatrale sempre pronta a rimescolare le carte nel mazzo. Nello spirito dei napoletani il sentimento e l’intelligenza trovano un magico equilibrio, e Marietto è napoletano fino al midollo, anche se ha vissuto per molto tempo a Milano e ora vive a Vasto.

Io sono cresciuto nella nebbia di Milano, per carità, anche la nebbia ha un suo fascino, qualcosa di metafisico, ma il sole è il sole, magnifica tautologia, e chi è stato scugnizzo una volta lo sarà per sempre, e avrà sempre il sole sulla pelle e nell’anima, come il mio amico Marietto che non si è mai arreso davanti alla notte.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Scuola, un intreccio di relazioni

next
Articolo Successivo

‘Decamerone’: la falsità di Ser Ciappelletto e gli eredi di oggi

next