Ma non tutti gli ascorbati di potassio (in commercio ce ne sono tanti) sono adatti al metodo Pantellini. Ai malati di tumore la fondazione ne raccomanda uno in particolare: il Nike Ck o Rck (il nome cambia a seconda della composizione con o senza ribosio). Un prodotto da cui si dipana un intreccio di società tutte riconducibili a Eliseo Garuti, istitutore della stessa fondazione. I marchi Nike Ck e Rck, infatti, sono commercializzati dalla New Mercury, una srl di Firenze controllata al 99% da un’immobiliare spagnola (la Lori 46, in passato amministrata dallo stesso Garuti) e al restante 1% sempre dal fondatore della Pantellini. Dalle vendite dei suoi prodotti, nel 2013 la New Mercury ha ricavato quasi un milione di euro (992.250 è la cifra scritta a bilancio). Il Nike Ck o Rck ha un costo che varia dai 36 ai 49 euro a confezione e non ha particolari controndicazioni. Ogni scatola contiene 100 dosi e si può ordinare su internet o in qualunque farmacia.

La farmacista: possiamo farlo anche noi. Forse costa leggermente di meno…

“Ne vendiamo parecchie”, conferma una farmacista di Bologna che tiene esposta una scatola di Nike Rck nello scaffale dietro al bancone. Alla domanda se le persone lo comprano per curare il cancro, risponde con un sorriso imbarazzato e alza le spalle: “E’ un integratore alimentare, lo possiamo fare anche noi nel laboratorio della farmacia. Forse costa leggermente di meno”. Il Nike Rc o Rck viene confezionato in Spagna, nel monastero Valdedios di Villaviciosa, da un’altra società, la Mirko Ely, il cui amministratore unico è Valentina Pieri (che è anche segretaria amministrativa della fondazione Pantellini). Fino al 2006, al posto suo c’era Eliseo Garuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mestre, uccide la vicina di casa con la sega elettrica e si barrica in casa. “Arrestato”

prev
Articolo Successivo

Savona, crollo di una palazzina ad Arnasco. Cinque morti accertati, un ferito grave. “Causato da fuga di gas”

next