Un’esplosione che si è sentita fino a 10km di distanza. A causarla è stata una fuga di gas che ha fatto crollare una palazzina nel Savonese e ha provocato la morte di cinque persone. L’incidente è avvenuto all’alba di sabato 16 gennaio nella frazione Bezzo del comune di Arnasco (Savona). Le vittime sono Giovanni Ciliberti, 55 anni, di Novi Ligure, Marco Vegezzi, 49 anni, di Albenga, Dino Andrei, 76 anni, di Prato, Edoardo Niemen, 71 anni, di Vigone (Torino) e Aicha Bellamoudden, marocchina di 56 anni. Una donna sudamericana di circa 50 anni è gravissima al centro grandi ustionati dell’ospedale Villa Scassi di Genova. Secondo i sanitari, ha ustioni di terzo grado sull’80% del corpo. Le sue condizioni, dicono i medici, sono disperate. La donna era stata trasportata in un primo momento all’ospedale di Pietra Ligure (Savona) e da qui trasferita con una eliambulanza dei vigili del fuoco all’ospedale genovese.

Non risultano altri dispersi ma le ricerche vanno avanti per scongiurare l’ipotesi che nella palazzina fossero presenti altre persone non residenti. “E’ una tragedia, speriamo che il bilancio delle vittime si fermi qui”, commenta il sindaco di Arnasco, Alfredino Gallizia.”L’esplosione si è sentita a chilometri di distanza. Io abito a un chilometro e mezzo, mia famiglia ha sentito un botto ma nessuno pensava a quello che era successo. Poco dopo mi hanno chiamato”.

L’esplosione ha danneggiato dieci abitazioni mentre otto famiglie sono rimaste isolate a causa delle macerie che ostruiscono la strada. “Le stiamo rimuovendo – ha affermato il vice comandante dei vigili del fuoco, Arturo Antonelli – Le case lesionate sono una decina”. Sul posto sono presenti anche alcuni psicologi per assistere gli abitanti sotto-choc. Ad Arnasco è arrivato anche il presidente della Regione Giovanni Toti: ” Ci siamo messi a disposizione del sindaco per ospitare in qualche struttura qui vicino le famiglie che eventualmente questa notte non potessero raggiungere le proprie case. Dopodiché ci attiveremo ovviamente per tutte le verifiche statiche e di viabilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cancro, Fondazione no profit lo tratta con integratore alimentare. Venduto dall’azienda del fondatore

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco: “Basta raccomandazioni, generano illegalità e corruzione”

next