Al Salone di Detroit il nuovo marchio VLF Automotive ha presentato il suo secondo modello, una supercar costruita semi artigianalmente su base Corvette, chiamata Force 1 V10: un bolide in edizione limitata a 50 esemplari, da 745 CV di potenza e quasi 270.000 dollari di prezzo. Ma non è stato un debutto sereno: solo una settimana prima il designer Henrik Fisker, uno dei soci fondatori della VLF, ha citato in tribunale l’Aston Martin, chiedendo al costruttore britannico ben 100 milioni di dollari di danni perché avrebbe cercato di impedirgli di presentare il modello, intimidendolo con una diffida. Secondo l’Aston Martin, la Force 1 V10 somiglierebbe troppo alla BD10, auto disegnata per il film di James Bond Spectre (nella foto in basso). Fisker rifiuta l’accusa: “Questa è una supercar americana. Abbiamo creato un design del tutto unico”. Ai cronisti, al Salone, ha detto: “Era una minaccia. Ma non possono fermare la competizione, tutti noi creiamo auto attraenti per competere con gli altri costruttori”.

Henrik Fisker non è nuovo alle cause milionarie: aveva già ottenuto più di un milione di dollari nel 2008 dalla Tesla. L’azienda di Elon Musk l’aveva accusato di aver violato il segreto industriale all’epoca in cui si lavorava al prototipo Tesla White Star – da cui nacque la Model S – e di aver volutamente disegnato un’auto “brutta”, tenendo le migliori soluzioni di design per la sua Karma.

Fisker è noto nel mondo dell’auto per avere lavorato in diverse aziende: in BMW (dove disegnò le linee esterne della Z8), in Ford per il marchio Aston Martin nei primi anni 2000, all’epoca in cui il brand britannico faceva parte del gruppo americano. Fondò nel 2004 la Fisker, con cui costruì l’ibrida plug-in Karma e da cui si dimise nel 2013. Nello stesso anno la Casa dichiarò bancarotta, salvo poi essere acquistata dai cinesi di Wanxiang Group e cambiare nome in Karma Automotive.  Nel 2015, il designer nato in Danimarca si è unito all’azienda creata nel 2013 dall’ex vice presidente di General Motors Bob Lutz e dall’imprenditore Gilbert Villarreal, fondando la VLF Automotive, sigla composta con le iniziali dei loro cognomi. Un piccolo costruttore (gli investimenti non superano i 10 milioni di dollari) che finora ha presentato due modelli, la Destino V8 e, appunto, la nuova Force 1 V10.

Aston Martin DB10 per il film Spectre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salone di Detroit 2016 – Audi h-tron quattro concept, la via dell’idrogeno

prev
Articolo Successivo

Salone di Detroit 2016, Lexus svela la coupé LC 500. Sarà anche ibrida – FOTO

next