“Toyoda sarà il cognome ma, credetemi, Lexus è il mio secondo nome”. Un entusiasta Akio Toyoda – presidente del gruppo Toyota e nipote del fondatore, nella foto in alto – ha presentato al pubblico del Salone di Detroit la nuova coupé 2+2 Lexus LC 500. Simile in tutto e per tutto alla concept car LF-LC, il nuovo modello ha un design coraggioso ed è costruito su una piattaforma inedita – global architecture for luxury vehicles, GA-L – a trazione posteriore. Perché, spiega Toyoda, quando anni fa alcuni giornalisti americani gli dissero che le Lexus erano ben fatte ma noiose da guidare, decise di prendere personalmente in mano la direzione del marchio e di evitare che in futuro le parole “noioso” e Lexus potessero essere affiancate nella stessa frase.

In America, il marchio giapponese compete con quelli tedeschi per la supremazia nel segmento del lusso, e un modello che faccia da portabandiera è quello che ci vuole per rilanciarne l’immagine. Nel 2015, Lexus è stato il secondo per volumi dietro BMW e davanti alla Mercedes. Al di là della supercar in edizione limitata LFA (la cui produzione è terminata nel 2012), la Lexus vende negli States soprattutto il Suv RX e la berlina ES. La LC 500, invece, è una sportiva vera: non solo ha la trazione posteriore, ma è spinta da un V8 5.0 da ben 467 CV abbinato a un nuovo cambio automatico a 10 marce. La versione V8 andrà in vendita negli States nel 2017 – con prezzi a partire da 100.000 dollari circa – accanto a varianti V6 e ibride: quest’ultima dovrebbe essere venduta anche in Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone di Detroit 2016 – Fisker presenta la supercar VLF e chiede 100 milioni di danni all’Aston Martin – FOTO

next
Articolo Successivo

Hyundai Ioniq, l’anti Prius coreana: ibrida e col cambio che piace agli europei – FOTO

next