Cinquina secca sulla ruota di Napoli, primo in classifica e campione d’inverno: 12, le stagioni consecutive in cui chi è primo alla fine del girone d’andata vince poi a maggio; 18, i gol di Gonzalo Higuain, capocannoniere della Serie A; 26, gli anni dall’ultimo titolo di campione d’inverno; 41, i punti in classifica degli azzurri; 57, gli anni di Maurizio Sarri, vero artefice di questa impresa. A Napoli, città della Smorfia in cui ogni numero ha un significato, contano le ricorrenze e fanno gli scongiuri.

Il calcio non è una scienza matematica, ma i numeri dicono tanto del primato partenopeo. A ben vedere davanti a tutti c’è la squadra che finora ha fatto complessivamente meglio di tutti: miglior attacco (38 reti), (seconda) miglior difesa (alle spalle solo dei nerazzurri), miglior rendimento casalingo (sette vittorie e due pareggi), miglior differenza reti (+23, a testimonianza di vero dominio), miglior classifica avulsa negli scontri diretti (ha vinto contro tutte le tre rivali scudetto, Inter, Juve e Fiorentina, anche se sempre al San Paolo). E il miglior gioco. Presto per festeggiare, ma le statistiche non mentono.

Questione di numeri. E di scaramanzia. Quello che non assicurano le cifre, lo promette la cabala: era dalla stagione 1989-1990 che il Napoli non chiudeva in testa l’andata. E allora fu scudetto. Intanto sono passati 26 anni, è cambiato il nostro calcio e i suoi protagonisti: quella era la squadra di Maradona, gli avversari si chiamavano Van Basten, Baggio e Trapattoni. Adesso Napoli è soprattutto Gonzalo Higuain: anche contro il Frosinone, nella vittoria che è valsa il primato intermedio, ha segnato due gol e trascinato la squadra. Diego è un mito che probabilmente nessun altro potrà mai eguagliare. Ma l’impatto del Pipita sulla squadra e sul campionato, quest’anno, è ugualmente devastante: ha realizzato 18 delle 38 reti totali, sette in più del primo inseguitore (Eder, fermo a 11). Nessuno ha un giocatore come lui in Serie A, e questo sta facendo la differenza.

Higuain, però, c’era anche l’anno scorso, e due anni fa. E per segnare così tanto ci mise una stagione intera. Ad un certo punto sembrava essere diventato addirittura un problema. Per questo il vero artefice dell’impresa è chi siede in panchina: Maurizio Sarri ha trasformato il Napoli in una squadra da scudetto. E non solo per il lavoro fisico e mentale fatto sul suo campione: ha esaltato Insigne e domato le sue intemperanze, rigenerato Hamsik, convinto Albiol e Koulibaly di essere due difensori veri, sedotto tifosi e presidente. Una bella soddisfazione, per uno che è arrivato tardi al grande calcio e ieri ha festeggiato nel migliore dei modi il suo 57esimo compleanno.

Per lui la parola scudetto è “una bestemmia” e “una maratona non si vince dopo 21 chilometri”. Ha ragione: la strada è ancora lunga, l’ultima volta che il Napoli ha accarezzato la vetta è caduto rovinosamente subito dopo. Senza dimenticare le avversarie: per consegnare agli azzurri il titolo invernale c’è comunque voluto uno sfortunato scivolone dell’Inter col Sassuolo. E dietro, insieme ai nerazzurri, c’è la Juventus delle nove vittorie di fila che fa tanta paura: più solida, più attrezzata, più abituata a vincere. Ai piedi del Vesuvio, però, adesso non possono più nascondersi. Neanche il presidente De Laurentiis, chiamato a fare la sua parte sul mercato di gennaio per aggiungere legna a un fuoco che rischia di spegnersi con le fatiche di una stagione lunga e intensa (presto tornerà l’Europa League). Intanto i tifosi sognano e si godono questi numeri preziosi. Chissà se per vincere al lotto in settimana sulla ruota di Napoli. O magari per festeggiare a maggio qualcosa di ancora più prezioso…

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, risultati e classifica 19° turno. Goleada Napoli: 5 gol al Frosinone e diventa campione d’inverno – Video

next
Articolo Successivo

Juventus, la grande rimonta: 9 vittorie di fila e altrettanti punti recuperati in 74 giorni sulle battistrada – Video

next