L’ex assessore Pd del Comune di Roma Daniele Ozzimo è stato condannato dal gup Alessandra Boffi a due anni e due mesi nell’ambito del processo a Mafia Capitale. Ozzimo è accusato di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio. La sentenza è relativa a una presunta tangente che l’ex assessore avrebbe ricevuto dall’imprenditore Salvatore Buzzi. L’ex assessore era stato scarcerato la vigilia di Natale dopo che, al processo, era emerso un errore di trascrizione che stravolgeva il senso delle parole pronunciate dallo stesso Buzzi in un’intercettazione. Ma l’accusa di corruzione è rimasta in piedi. Condannato, a due anni e quattro mesi, anche l’ex consigliere comunale di Centro Democratico, Massimo Caprari.

“Me lo aspettavo perché si sa come vanno a finire queste cose in questo Paese. Siamo pronti a presentare ricorso in Appello”, ha commentato Ozzimo.

Gli altri giudizi di colpevolezza hanno riguardato i fratelli Tommaso e Gerardo Addeo, entrambi collaboratori di Luca Odevaine, a un anno e dieci mesi ciascuno, nonché Paolo Solvi, collaboratore di Andrea Tassone, ex presidente del municipio X di Ostia, che ha avuto due anni e due mesi.

Il gup Boffi ha anche definito i quattro patteggiamenti – sempre per corruzione – che erano stati richiesti da ex dirigenti della cooperativa. Francesco Ferrara ha avuto due anni e 8 mesi, mentre per Domenico Cammisa, Salvatore Menolascina e Carmelo Parabita la pena è di due anni e sei mesi ciascuno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano Cucchi: la sorella Ilaria ci ricorda le tante crepe della nostra giustizia

prev
Articolo Successivo

Mario Mantovani, il gip: “No alla libertà è ancora un politico influente”

next