E se Babbo Natale fosse comunista? L’effetto sarebbe decisamente sovversivo, dato che tutti i bambini avrebbero lo stesso numero di regali, ricchi o poveri che siano, nel Nord come nel Sud del mondo. Parte da qui “I fratelli Kristmas” di Giacomo Papi (Einaudi, 227 pagine, 17,50 euro), una fiaba ironica e pop che gioca con la storia, la letteratura, la filosofia, senza tralasciare cronaca. Basti pensare che il cattivo della situazione – il giocattolaio miliardario Panicus Flynch, che cerca di impossessarsi del Natale per renderlo più markenting oriented – si è comprato l’intera Grecia piegata dalla crisi e l’ha trasformata in un gigantesco parco a tema. Dove, tanto per dire, Harry Potter tenta di rimorchiare la Fata Turchina mentre Il Piccolo Principe e Peter Pan sono due mafiosetti spocchiosi che controllano la zona Vip e l’iscrizione obbligatoria al sindacato dei Lavoratori della Fantasia.

Lo spunto è presto detto. Nel villaggio di Ullapoool (con tre “o”, “il luogo più segreto dell’universo, invisibile persino a Google Maps“) si avvicina il 25 dicembre, ma Niklas Kristmas, meglio noto come Babbo Natale, è seriamente malato e il dottore gli vieta di partire per la tradizionale distribuzione dei doni. Che fare? A sostituirlo sarà il fratello Luciano, ma la scelta è tormentata perché tutti sanno che è un “eguagliatore” (la parola “comunista” non si addice alle fiabe e non compare mai). Cioè pensa che tutti debbano avere le stesse cose. Almeno in partenza, da bambini appunto. Così Luciano va, con slitta e renne d’ordinanza, spalleggiato dal nano picchiatore Efisio Fois (l’anno prima a Budapest Babbo Natale era stato attaccato da un branco di nazisti ungheresi…) e imbarcando poi nell’avventura due bambini, Pietro e Maddalena. Nel viaggio, però, il gruppo dovrà vedersela con le perfide valchirie (che naturalmente cavalcano…) inviate da Panicus Flynch. Ma anche – si sa come vanno le cose a sinistra – con la salma imbalsamata di Mao che al Mausoleo di Pechino si rianima e aggredisce i nostri mentre consegnano i doni ai piccoli cinesi.

Il libro di Papi, giornalista, scrittore e già autore per Einaudi del romanzo “I primi tornarono a nuoto”, risponde anche ad alcune grandi domande esistenziali. Tipo: ammesso pure che esista, come fa Babbo Natale a consegnare i regali a due miliardi di bambini in tutto il globo nell’arco di una sola notte? E’ tutto merito dello gnomo orologiaio Perparim Litmanen (per tutto il racconto l’autore si diverte, e diverte, giocando sui nomi nordici), che a Ullapoool manovra abilmente i giganteschi ingranaggi del tempo. Cosicché quello a disposizione di Luciano Kristmas e soci sia enormemente dilatato rispetto al normale scorrere di quello ordinario. E in una sola notte il miracolo si compie. Parliamo del Natale, s’intende.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poesia – Adesso però tu

next
Articolo Successivo

La questione più che altro, Ginevra Lamberti racconta l’antropologia del nuovo precariato

next