chezzo zalone 675

Grignani, Zalone e Cristina D’Avena. Tre nomi che mi hanno stimolato a scrivere in questo inizio anno per i fenomeni che hanno prodotto, e alcune considerazioni che da essi ho tratto. Ma affrontiamo i fatti che li riguardano uno per uno, perché meritano di essere distinti.

Bari. Capodanno in piazza. Gigi D’Alessio ospita sul palco Gianluca Grignani e scoppia il polemicone. Grignani era ubriaco!! Oh sant’Iddio!! Santi numi!! In prima linea mamme inferocite, difensori della morale, esorcisti per passione, e crociati fuori tempo. Episodio “di cattivo gusto” e “di cattivo esempio”. Il web esplode. C’è chi lo difende e chi lo affossa, si sprecano commenti e articoli con tanto di interviste a Gigi D’Alessio, che giustifica l’amico come fosse Padre Ralph, e di intervento del Vaticano sul mancato “buon costume” della televisione. Ora. Non so voi, ma io Grignani l’ho sempre visto cantare così anzi, a dire il vero, l’ho visto anche in condizioni peggiori. E non mi sembra una novità, che qualche cantante/artista si presenti per quello che è, con le proprie fragilità evidenti o la propria attitudine fuori dalle righe. Se finisce su Canale 5 e a qualcuno sembra scandaloso, esiste poi il miracoloso e sottostimato telecomando. Avesse vomitato poi sulle scarpe del Gigi nazionale sarebbe rimasto nella storia, ma non è accaduto. E di fatto, un ubriaco è qualcosa di diverso da ciò che Grignani era su quel palco. Quindi trovo che tutto questo casino, per qualche atteggiamento rock revival anni ’80, sia stato eccessivo. Bilancio. L’Italia bigotta e moralista non si smentisce mai, urlando puntuale il suo dissenso e la stizza verso ciò che non “si può dire” e non si “può vedere”. Un classico.

Checco Zalone, uscito nelle sale con il suo nuovo film “Quo vado?” è sold out. Quindi? Ho l’occhio sgranato mentre al Tg, la notizia è impostata come fosse un evento di massa dal risvolto sociologico. L’assurdo arriva poi quando il risvolto è addirittura forzatamente politico. “Zalone è più di destra o di sinistra?” E nonostante a domanda ci sia stata risposta anziché una risata, qui salvo l’italiano medio (categoria alla quale in questo caso e potenzialmente potrei appartenere senza vergogna alcuna) che va a vedersi Zalone e si fa due risate nel giorno più down dell’anno per antonomasia, il primo gennaio. E dico anche che quei radical chic, intellettualoidi a tutti i costi, che contrappongono il fenomeno Zalone al cinema di cultura e impegnato come fosse satana, potrebbero godersi anche loro qualche battuta demenziale (ogni tanto!) senza aver paura di stare tra i banali e i comuni mortali. Auspicio: con la scusa di Zalone che ci sta tutto, diamo anche un occhio anche a quel cinema di qualità dalle sale troppo vuote, che va sostenuto. Così bilanciamo.

E veniamo al 2 gennaio. Concerto in piazza Matteotti a Genova. Guest star… Cristina D’Avena. Notizia meno risonante sui nazionali, ma in risalto sui media locali. Qui lo dico e non lo nego, volevo andarci anch’io con la scusa di portarci mia figlia e di scriverci un report dettagliato. Miseri espedienti penosi. La realtà è che il trash la vince su qualunque tentennamento, sull’ipotetica reputazione da mantenere, e su quello snobismo inutile e limitante che non permette leggerezza. Mi ferma però il freddo bastardissimo di quella sera e penso: “Ma chi ci va con sta bufera!!”. Pensavo addirittura lo rimandassero. E invece lei è lì. Imbacuccata, ma sorridente come se le fosse rimasto su lo stesso trip che le spacciò Candy Candy vent’anni prima (quello che alla povera Candy aveva preso un po’ male). La folla è in visibilio, di tutte le età, cellulari alzati, gente che balla, e amici che abitano lì vicino raccontano di urla e cori da stadio. Incredibile. E siamo a Genova, città del mugugno libero (trad. “lamentela perenne), del pessimismo e del fastidio. Conclusione: siamo un popolo di nostalgici. E siamo spiccatamente trash.

Il mio identikit tricolore di inizio anno è variegato quindi: abbiamo i moralisti/bigotti immancabili, gli snob/radical chic, i sociologi a tutti i costi, i seguaci di Zalone, e i presi bene/trash che sfidano le intemperie pur di cantare “Occhi di gatto”. Messa così, il panorama è tragico e vado in difficoltà. Ma per onestà intellettuale dico, che avrei voluto sfidare le intemperie per Cristina D’Avena e mi rammarico di non averlo fatto. E salvo il trash senza remore.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quo vado?, Checco Zalone logora chi non lo vuole vedere

prev
Articolo Successivo

Amore, le tre dimensioni della coppia: il bisogno – Parte I

next