Circa 6,5 tonnellate di artifici pirotecnici e “botti” illegali artigianali sono stati sequestrati dalle fiamme gialle delle compagnie di Caserta e Capua. Sotto sequestro anche oltre 300 kg di polvere da sparo prodotta artigianalmente, che sarebbe stata utilizzata per il confezionamento di ulteriori “botti”. Il valore commerciale della merce sottoposta a sequestro è di circa 400mila euro. Tra gli oltre 80.600 prodotti esplodenti illegali rinvenuti, c’era anche la “Bomba di Parigi”, sequestrata dai militari della compagnia di Caserta in un negozio di articoli per la casa gestito da cinesi. Il micidiale ordigno, dalla denominazione quantomeno infelice, conteneva circa 10 kg di polvere da sparo e una miccia programmata per far esplodere cento differenti colpi. Decine le perquisizioni domiciliari eseguite che hanno portato, complessivamente, alla denuncia di 34 persone per detenzione e commercio abusivo di prodotti esplodenti e per fabbricazione abusiva di materiale esplosivo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giubileo, l’effetto Anno Santo non basta: nel 2015 meno fedeli in Vaticano che nel 2014

prev
Articolo Successivo

Euro falsi, nel 2015 sequestrati 54 milioni: il biglietto da 20 euro è il più falsificato

next