Quando le scarpette col 23 si alzano in aria Byron Russel, finito a terra dopo il cambio di direzione del suo avversario, può solo guardarle disperato prendere il volo. Michael “Air” Jordan tira quasi da fermo, con le braccia che rimangono stese all’aria fino a che il pallone scende giù dal canestro, dando ai Bulls il sorpasso sui Jazz. 87-86, time out immediato e occhio al cronometro: 5,2 secondi alla fine, il tempo di un altro tiro, ma il punteggio non cambierà più. Per Chicago il titolo NBA 1998 è il secondo “three peat” (cioè la vittoria di tre campionati di fila) in appena otto anni. E vale il sesto anello per il giocatore più forte di tutti i tempi.

È forse questa la tavola più bella di “Michael Jordan. La biografia a fumetti” (Edizioni BD): la graphic novel di Wilfred Santiago è un racconto fatto di colori forti, pennellate ruvide e anatomie improbabili, quasi klimtiane, che mostrano un Jordan ragazzino con le gambe sottilissime, che piange a letto quando resta fuori dalla prima squadra del suo liceo, per poi diventare il gigante che ha segnato la storia del basket, dal 1984 al 2003, l’anno del terzo e definitivo ritiro. Nel fumetto gli eventi sportivi si mescolano coi fatti privati del campione e qualche squarcio di cronaca americana diventata ormai storia. E così vediamo Magic Johnson che chiama Air per dirgli di avere contratto l’Hiv.

Vediamo Jordan andare in tv a invocare il ritorno alla calma durante i saccheggi che avvennero a Chicago, la notte del trionfo NBA contro Portland, nel 1992. E in collage fatti di disegni, titoli di giornale e frame video amatoriali vediamo il pestaggio del tassista Rodney King da parte della polizia, che nel marzo 1991 scatena giorni e giorni di disordini a Los Angeles.

Il libro è stato presentato al negozio Airness Milano di via Santa Maria della Porta da Flavio Tranquillo, il telecronista che nei primi anni ’90 raccontò le gesta di Jordan sui canali nazionali. Replica venerdì 11 alle 19.15, al negozio Back Door di piazza Galileo a Bologna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Callas’ su Rai 1: io, Maria, l’ho conosciuta

prev
Articolo Successivo

La ‘Fabrica’ del presente, quattro progetti in mostra a Roma

next