La Ferrari? “E’ diventata il bancomat della Fiat”. Così Luca Montezemolo ha risposto a chi gli chiedeva un giudizio sulle ultime mosse della casa automobilistica di Maranello. Che dopo la quotazione del 10% delle azioni a Wall Street e in vista dello scorporo da Fiat Chrysler, lunedì ha annunciato di aver acceso una linea di credito da 2,5 miliardi con dieci banche. Le Rosse, insomma, si sono indebitate prima di trasferire la propria ricca cassa alla casa madre. “Sono contento e orgoglioso”, ha ironizzato l’attuale presidente di Alitalia, intervenuto al Biz Travel Forum di Milano.

Montezemolo ha guidato il Cavallino per 23 anni, dal 1991 fino al settembre 2014, quando ha preso il suo posto l’amministratore delegato di Fca Sergio Marchionne. Dopo la sua defenestrazione da parte del presidente Fiat John Elkann, a ottobre 2015 la Ferrari è sbarcata in borsa a New York e nel 2016 si appresta a entrare anche nel listino di Piazza Affari. L’assemblea straordinaria della casa madre per lo scorporo di Maranello è prevista per giovedì 3 dicembre ad Amsterdam.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, Boeri: “I 35enni precari da anziani rischiano povertà. Molti dovranno lavorare fino a 75 anni”

next
Articolo Successivo

Lavoro, per i dipendenti ansia da prestazione tra riunioni improduttive, rumori e troppe mail

next