La Ferrari? “E’ diventata il bancomat della Fiat”. Così Luca Montezemolo ha risposto a chi gli chiedeva un giudizio sulle ultime mosse della casa automobilistica di Maranello. Che dopo la quotazione del 10% delle azioni a Wall Street e in vista dello scorporo da Fiat Chrysler, lunedì ha annunciato di aver acceso una linea di credito da 2,5 miliardi con dieci banche. Le Rosse, insomma, si sono indebitate prima di trasferire la propria ricca cassa alla casa madre. “Sono contento e orgoglioso”, ha ironizzato l’attuale presidente di Alitalia, intervenuto al Biz Travel Forum di Milano.

Montezemolo ha guidato il Cavallino per 23 anni, dal 1991 fino al settembre 2014, quando ha preso il suo posto l’amministratore delegato di Fca Sergio Marchionne. Dopo la sua defenestrazione da parte del presidente Fiat John Elkann, a ottobre 2015 la Ferrari è sbarcata in borsa a New York e nel 2016 si appresta a entrare anche nel listino di Piazza Affari. L’assemblea straordinaria della casa madre per lo scorporo di Maranello è prevista per giovedì 3 dicembre ad Amsterdam.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pensioni, Boeri: “I 35enni precari da anziani rischiano povertà. Molti dovranno lavorare fino a 75 anni”

next
Articolo Successivo

Lavoro, per i dipendenti ansia da prestazione tra riunioni improduttive, rumori e troppe mail

next